nonsense

nonsense like me

text

Criticare

Come ha scritto il comico Jack Handey, prima di criticare qualcuno fatti una passeggiata di un chilometro nei suoi panni, così sarai a un chilometro di distanza e potrai tenerti i suoi panni. Ma se vuoi aiutarlo, forse ti conviene tenerti i tuoi vestiti. Invece di provare il suo dolore, non sarebbe meglio fare qualcosa?
http://www.internazionale.it/opinioni/oliver-burkeman/2014/09/22/restiamo-nei-nostri-panni/

Q&A

Anonymous asked: Tu ci credi a quella ruota che gira? A quel "tanto prima o poi tornano tutti"? Dovrei smettere di aspettarlo e tornare a vivere forse... :( Ha i un bellissimo blog e amo come scrivi. Ti abbraccio! :* A.

le20e8minuti:

È il mio mantra. Tutti tornano, tutti tornano. E tornano quando a noi ce ne fregherà più nulla. Lo vedrai con i tuoi occhi, questo inizialmente ti darà la forza per andare avanti, poi arriverai ad un punto che non ti importerà più nemmeno sapere se torna o no.

Tornanotutti

photo

thesgrash:

Old School! http://www.pinterest.com/pin/204562008044737171/

photo

thesgrash:

Be positive http://www.pinterest.com/pin/204562008045449789/

Ciò di cui ho bisogno, now

thesgrash:

Be positive http://www.pinterest.com/pin/204562008045449789/

Ciò di cui ho bisogno, now

photo

Blabla

Blabla

(Source: naidamaria, via s-c-e-n-a-r-i-o)

photo

Free Wood in the space

Free Wood in the space

photo

text

Parlarsi un pò

In ogni rapporto umano, la cosa più importante è parlare.
Ma le persone non lo fanno più: non sanno più sedersi per raccontare e ascoltare gli altri.
Si va a teatro, al cinema, si guarda la televisione, si ascolta la radio, si leggono libri, ma non si conversa quasi mai.
Se vogliamo cambiare il mondo, dobbiamo tornare al tempo in cui i guerrieri si riunivano intorno a un falò e raccontare le loro storie.
Paulo Coelho, lo Zhair

quote

Quando due uomini nella stessa azienda sono sempre d’accordo, uno dei due è superfluo (William Wrigley)

text

A dinner with Lady Day

quando sono stanca, di solito non ho mai voglia di cucinare. al massimo posso mandare giù qualche schifezza precofezionata o tocciare i biscotti nella tisana (eh, lo so!!! ma il latte non lo posso bere!).

stasera, però, avevo proprio voglia.voglia di tagliare, spezzattare, affettare, aspettare, annusare, gustare.
avevo comprato una pera, che ho tagliato a cubetti irregolari, e l’ho fatta cuocere lentamente in un pò di acqua di cottura.
ho aggiunto qualche seme di finicchio e un mix di formaggi.

la mia pasta preferita. nell’aria solo lei, nel mio giradischi. il fruscio tipico che ti fa pensare a tempi lontani.
il resto lo ha fatto un goccio d’olio e un buon bicchiere di vino.

la cena mi ha catapultata a casa, ne ho sentito l’odore e la brezza che nelle sere d’estate ti accompagna sempre nelle colline toscane.

formaggio&pere è un piatto sublime …. bon appétit!!

foto presa qui

Following